La tecnologia cambia il turismo

Il turismo vale oggi circa 960 miliardi di euro a livello globale. Un dato molto significativo che ha dettato il punto di partenza per alcune considerazioni da parte di Fabio Maria Lazzerini, amministratore delegato e direttore generale di Amadeus Italia

società attiva nella distribuzione e nella fornitura di tecnologie avanzate per l’industria globale dei viaggi e del turismo, che ha dedicato una giornata di confronto sulla travel industry.
“La rete e l’innovazione tecnologica sono elementi di estrema importanza in un momento di forte cambiamento culturale e sociale, che coinvolge direttamente tutta la Travel Industry” ha sottolineato Lazzerini. “In Italia ci sono 20 milioni di utilizzatori di smartphone e il 31% di coloro che ne possiedono uno ha prenotato almeno un hotel tramite mobile; il 29% ha cercato un ristorante, il 26% ha richiesto e ottenuto informazioni sul proprio viaggio, il 20% legge frequentemente recensioni su strutture turistiche”.

“L’evoluzione tecnologica mette tutti di fronte a nuove sfide – ha aggiunto – e il settore dei viaggi e del turismo deve cogliere i segnali di questa trasformazione in atto e rispondere adeguatamente alla domanda del mercato. Oggi chi viaggia per affari o per piacere vuole avere a disposizione il maggior numero di informazioni possibili in tempo reale e dà molta rilevanza all’esperienza condivisa in rete da altri. Il 78% dei viaggiatori, infatti, raccoglie sul web le informazioni necessarie per la propria vacanza e il 72% degli utenti di social network le utilizza mentre è in viaggio“.

L’online Travel Industry rappresenta oggi il 30% del mercato totale: un terzo delle transazioni turistiche avviene mediante la rete. In testa Europa e Stati Uniti, dove le prenotazioni valgono circa il 70%.

Cosa succede nelle prenotazioni online? “Le compagnie aeree tradizionali, con un indice di crescita medio del 5%, rappresentano il secondo segmento con la maggiore prenotazione. Il settore ferroviario è in costante crescita (+3%); i vettori low cost  rappresentano la porzione a margine di incremento più significativo, con un indice medio del 7,4% mentre entro il 2013, l’hotellerie avrà un indice medio di crescita del 3,8%, di cui le prenotazioni tramite agenzie di viaggio online rappresentano circa il 31% e il restante 69% deriva dalla vendita diretta dal sito degli hotel.

In Italia la percentuale di prenotazione via web è ancora bassa (intorno al 5%), con una penetrazione minore rispetto ad altri Paesi come Regno Unito, Germania e Francia (che valgono da soli circa il 60% del mercato delle prenotazioni online in Europa); questo fenomeno è legato a diversi fattori che riguardano una differente propensione culturale e tecnologica.

“L’Italia ha grandi potenzialità in termini di crescita e di sviluppo tecnologico per il comparto del turismo, prima di tutto perché resta in cima ai desideri di viaggio e rappresenta una delle mete preferite e delle destinazioni più ricercate. Ecco perché la Travel Industry, anche sfruttando le opportunità offerte dalla rete, dalle nuove tecnologie, dal mobile, l’e-commerce e il recente fenomeno del couponing, deve favorire l’aumento dei flussi turistici, per la crescita e lo sviluppo dell’intero sistema Paese” ha commentato Lazzerini.

L’evoluzione dipende quindi da una parte dall’adozione di nuove tecnologie e, dall’altra, da un rinnovato approccio culturale.

Seguici

Richiedi una consulenza

Compila il form e richiedi una consulenza gratuita. I nostri esperti ti contatteranno il prima possibile.

Lavori

Guarda tutti